Sunday, April 15, 2007

Come dice Marcello il mondo non e’ imploso per la fortuita coincidenza. Con l’amico di Joni sono andata al bar e mi sono solo scappottata dal ridere. Piccolo e logorroico, con il viso tondo e il naso affilato, ha parlato di tutto e tutti velocissimo: da Noam Chomsky, alle cazzate di Joni, dal servizio militare, al teatro, dai suoi studi a San Francisco al suo futuro al MIT. Tutto veloce, tutto macchiato di battute, digressioni, salti e pacchette con le sue manine tonde.

Ad un certo punto gli ho detto: ma non riusciamo a fare una frase principale senza metterci tutte queste incidentali? Che mi gira la testa e mi viene la nausea...

Credo proprio che non lo rivedro’ mai piu’. Peccato. Quando andro’ a Tel Aviv, lui non ci sara’. Tiene cose da fare, esami da dare, robe da finire.

Gia’, gia’. Faccio un viaggio fino in Israele. Dopo anni e anni passati ad essere scambiata per ebrea dal russo di turno, vado nella mia patria putativa. Tov, tov….

Il mio italiano peggiora di ora in ora. Lo parlo sempre meno e lo scrivo per sbaglio

3 Comments:

Blogger la sorella :o) said...

eppure noi ti si legge sempre con piacere!

(un blog in qualsiasi altra lingua [inglese o francese, ché le altre mica le so!] mi costerebbe troppo!!!)

10:25 AM  
Blogger caporale said...

you aree fisihing for compliments!

(spero si dica proprio così, non ci giurerei)

6:30 PM  
Blogger OrsaLè said...

già, forse farai fatica a postare ma il risultato è ottimo!

2:43 PM  

Post a Comment

<< Home

saichemagarinonrispondo@gmail.com