Wednesday, January 30, 2008

Glielo racconto ed e' come se si incazzasse. E' molto difficile in genere definire i sentimenti che gli passano dentro, se mai gliene passano. Che mi viene spesso il dubbio. Ma questa volta mi pare cogliere dall'altro capo del telefono un certo irato fastidio.
E sempre la solita arida domanda: perche'?
Ogni volta ci deve essere il perche' e non sono ammesse circostanze causali generiche. Ci deve essere un perche' o comunque una motivazione rissumibile in soggetto, verbo, complemento.
'Beh, non so perche'

Di solito evito di utilizzare tale spiacevole constatazione che irremediabilmente mi fa sentite inadeguata alle sue aspettavive.
Vorrei pensare che magari il latte della compassione umana lo abbia inumidito e che sia geloso del fatto che alla fine ero stata invitata fuori a cena dal mio collega. Invece si intestardisce a chiedere perche' abbia trascinato il mio giovane rampante trader di contratti futures e opzioni in una casa occupata. Che lui in un posto cosi' non ci andrebbe mai.
Che cosa voglio dimostrare?
Ma niente. Mi era venuta cosi' per caso l' idea. Mi ha chiesto di scegliere il ristorante e io l'ho portato al centro sociale. Prima gli ho fatto levare la cravatta. Pensavo si sarebbe spaventato. Ed in effetti all'inizio era un po' agitato. Ma secondo me perche' abbiamo sbagliato porta e invece della sala ristorante, siamo finiti nella sala sauna ed erano tutti nudi.
"Cioe' , lui pensava che bisognava mangiare nudi.."
Poi una volta trovata la stanza, abbiamo ordinato il piatto della casa da due rasta e con le birre ed il dolce abbiamo pagato 10 euri.
Alla fine e' andato tutto bene. La birra era buona e i tipi attorno a noi rollavano spinelli. Il giovane collega sembrava quasi divertirsi.
"Secondo me sembrava quasi divertirsi..."
E dall'altra parte della cornetta, il racconto suscita un palpabile fastidio.
"No, in realta' non voglio dimostrare niente..."
"No, non mi sento piu' furba di prima....si, forse siamo molto diversi...io e te...come sono io? "
"Sinceramente mi sembra eccessivo che adesso arrivi a chiederti se mi conosci veramente... Guarda che lo so che tu in posto cosi' non ci verresti mai.. infatti mica ho portato te..."
"Vabbe' ciao, ci sentiamo..."

10 Comments:

Blogger . said...

difficile parlare contro un muro

2:59 PM  
Blogger Pino said...

Se il fatto che lui non sia tipo da centro sociale ti da' fastidio forse non ne vale la pena. Se invece ti da' fastidio solo il suo atteggiamento, scava scava e cerca di capirne la ragione.

E' solo wilson psychology, ma spero aiuti :-)

12:44 AM  
Blogger umberto said...

bene che dici euri, me ne compiaccio. umbe (ah quanto tempo, esimia...)

4:57 PM  
Blogger Notebook said...

Hello. This post is likeable, and your blog is very interesting, congratulations :-). I will add in my blogroll =). If possible gives a last there on my blog, it is about the Notebook, I hope you enjoy. The address is http://notebooks-brasil.blogspot.com. A hug.

4:36 PM  
Blogger adam brown said...

Hi again, see tthis is the site i told you i signed up to. It has some nice information about how to make money using OPP, i think you might find it interesting. here it is. bye!

7:31 AM  
Blogger adam brown said...

Hello I just entered before I have to leave to the airport, it's been very nice to meet you, if you want here is the site I told you about where I type some stuff and make good money (I work from home): here it is

10:11 AM  
Blogger kia.. said...

ohu! vogliamo dare un'aggiornata a sto blog??
kia..

3:33 PM  
Blogger rrr said...

attendesi aggiornamento!

1:25 PM  
Blogger Griya Mobil Kita said...

Bell'articolo, grazie per le informazioni.
sewa mobil

5:13 AM  
Blogger cooksappe said...

ci sentiamo

1:57 PM  

Post a Comment

<< Home

saichemagarinonrispondo@gmail.com